Guidonia Montecelio


Guidonia_Montecelio-StemmaInformazioni generali della Città di Guidonia Montecelio
Guidonia Montecelio è un comune italiano di 85.218 abitanti della provincia di Roma nel Lazio, situato a 29 km a nord est di Roma.
È il terzo comune più popoloso del Lazio dopo Roma e Latina. È costituito da una zona pianeggiante, compresa tra le vie Nomentana e Tiburtina, dominata dalla prominenza collinare su cui sorge l’antico centro abitato di Montecelio.
Cenni storici
Le origini Il borgo di Montecelio formato da due monti, Montecelio (m 389) e Monte Albano (m 370) è un sito tra dizionalmente identificato con l’oppidum latino di Corniculum. Ad avvalorare questa tesi, oltre alle fonti classiche, è il dato archeologico dovuto ai numerosi rinvenimenti avvenuti mediante accurate ricognizioni di superficie, che hanno permesso di delineare le dinamiche insediative di questo territorio che lo vedono frequentato dal X secolo a.C. alla media età repubblicana. In base a scoperte fatte agli inizi del ‘900, è possibile affermare l’esistenza di nuclei di sepolture risalenti ai secc. IX–VIII, individuati sul pendio orientale e su quello di Monte Albano. Le dinamiche insediative del centro sono ben documentabili, attraverso il materiale di superficie raccolto, fino alla fase arcaica e subarcaica (secc. VI–V), mentre sembrano essere meno numerosi i reperti ceramici del periodo medio-repubblicano.
La nascita di Guidonia
Nel 1916, nel Comune di Montecelio, viene costruito il primitivo aeroporto per avviare una scuola di volo. L’aeroporto prende il nome di “Campo di Aviazione di Montecelio”, dedicato alla memoria del tenente colonnello Alfredo Barbieri.
A partire dal 1924 il centro aeronautico conosce una fase di sviluppo basato su esperienze di volo sperimentale e numerose sperimentazioni in diversi campi. Nel 1928 viene costituita la Direzione Superiore Studi ed Esperienza (DSSE) che sarà trasformata nel nuovo Centro Studi ed Esperienze, inaugurato il 27 aprile 1935, giorno in cui viene posta la prima pietra del nuovo nucleo urbano di Guidonia, che sarà inaugurato nell’ottobre del 1937.
Il complesso aeroportuale di Guidonia si afferma a livello mondiale per le attività di ricerca, la sperimentazione e la costruzione in collaborazione con altri enti scientifici e industriali per lo studio di apparati per il volo ad alta quota. In particolare spicca il padiglione per la ricerca idrodinamica, che conteneva una delle più moderne vasche sperimentali del mondo, dotata di speciali carri dinamometrici per test sia su scafi e corpi immersi, sia su modelli di idrovolanti completi. Altro padiglione all’avanguardia era quello dell’aerodinamica e la galleria stratosferica.
Guidonia città di fondazione
Ideata come massima espressione della “logica di potenza” del regime, costruita in continuità con l’aeroporto su cui era rivolta l’attenzione della tecnica internazionale aviatoria, Guidonia costituisce un complesso di eccezionale valore sotto il profilo architettonico, storico e culturale.
Tale patrimonio rappresenta, urbanisticamente e architettonicamente, un bene culturale inestimabile di notevole rilievo nazionale e internazionale, nonché una testimonianza irripetibile dell’architettura razionalista che negli anni Trenta si affermava come nuovo modello formale del ‘900. In particolare Guidonia si differenzia dalle altre “città nuove” pontine, tanto da essere denominata – insieme a Carbonia–“specialized towns”. Guidonia rappresenta infatti un maturo linguaggio moderno attraverso l’adozione di pilotis, pensiline, finestre a nastro, aperture piane, ecc. e sorge accanto all’elemento caratterizzante della città di fondazione, ovvero la piazza centrale dove i due poteri, lo Stato e la Chiesa, si confrontano e si rispettano, e si sviluppa per mezzo delle strutture geometriche dei tracciati; una vera e propria rappresentazione della “metafisica costruita” come evidente espressione del razionalismo italiano.